COME DIVENTARE TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA AMBIENTALE

 

Ecco un panorama generale per diventare Tecnico Competente in Acustica Ambientale ovvero il tecnico che può fare i collaudi acustici necessari alla classificazione acustica degli edifici.

 

Partiamo dall’origine:

 

La legge quadro 447/95 definisce il TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA AMBIENTALE – art 2 comma 6 e 7

“…

6. Ai fini della presente legge e' definito tecnico competente la figura professionale idonea ad effettuare le misurazioni, verificare l'ottemperanza ai valori definiti dalle vigenti norme, redigere i piani di risanamento acustico, svolgere le relative attivita' di controllo. Il tecnico competente deve essere in possesso del diploma di scuola media superiore ad indirizzo tecnico o del diploma universitario ad indirizzo scientifico ovvero del diploma di laurea ad indirizzo scientifico.
7. L'attivita' di tecnico competente puo' essere svolta previa presentazione di apposita domanda all'assessorato regionale competente in materia ambientale corredata da documentazione comprovante l'aver svolto attivita', in modo non occasionale, nel campo dell'acustica ambientale da almeno quattro anni per i diplomi e da almeno due anni per i laureati o per i titolari di diploma universitario.

…”

 

I lavori ammessi sono descritti art. 2, comma 4 del DPCM 31.03.98 e riportati tipicamente anche nei Regolamenti Regionali o Provinciali in materia come ad esempio l’Allegato A della LR 11/2001 del Veneto o l’Allegato A del DGP n° 158/2008 della Provincia di Bari :

“…

Per attività nel campo dell’acustica ambientale si intende, in via indicativa, l’aver svolto prestazioni relative ad almeno uno dei seguenti interventi (art. 2, comma 4 del DPCM 31.03.98):

- misure in ambiente esterno ed abitativo unitamente a valutazioni sulla conformità dei valori riscontrati ai limiti di legge ed eventuali progetti di bonifica;

- proposte di zonizzazione acustica;

- redazione di piani di risanamento.

…”

 

Le Regioni o le Province su delega Regionale stabiliscono l’esperienza necessaria ovvero definiscono il termine “non occasionale” previsto dall’art. 2 comma 7 della legge 447/95. Si veda ad esempio l’ allegato A della LR 11/2001 o l’Allegato A del DGP n° 154/2008 della Provincia di Bari.

 

Le leggi Regionali o le Delibere Provinciali possono stabilire requisiti più restrittivi per l’accesso alla Professione di Tecnico Competente come ad esempio la Regione Veneto LR 11/2001 per cui le misure per la verifica dei requisiti acustici passivi DPCM 5/12/97 non sono considerate utili.

 

Per agevolare il raggiungimento del curriculum per chi non ha la possibilità di acquisire competenze da altri tecnici, alcune regioni hanno definito dei corsi di tutoraggio tipicamente della durata di 180 ore in affiancamento con altri tecnici. Durante queste 180 ore si fanno sia lezioni che lavori.

Contatta il tuo ordine professionale o l'ARPA della tua Regione per avere maggiori informazioni.

Alcuni esempi di leggi regionali o provinciali di interesse:

Provincia Autonoma di Trento - Deliberazione della Giunta provinciale n. 1535 del 18 luglio 2011

Provincia di Bari - Deliberazione della Giunta provinciale  n. 154 del 01.08.2008

Regione Veneto - Deliberazione del Direttore Generale n. 52 del 13 febbraio 2008

Regione Campania - Deliberazione N. 1537 del 24 aprile 2003